Basta buonismo, via i clandestini
Espulsioni più facili, confisca degli appartamenti agli irregolari, misure più efficaci contro la mafia, nuovi poteri ai sindaci. In una parola: più controlli e maggiore sicurezza per il territorio. Da quando al Ministero degli Interni c'è Roberto Maroni, per criminalità e immigrazione clandestina la vita si è fatta dura. A parlare sono le cifre. "I numeri - dice il Segretario Provinciale della Lega Nord di Genova Edoardo Rixi e candidato per le prossime elezioni regionali - hanno il pregio di non bluffare. In tanti, prima, si erano fatti paladini della sicurezza ma nessuno, come Maroni, ha saputo dimostrare sul campo gli effetti di una politica di rigore che fa della Lega Nord l'unico baluardo della protezione del territorio e della lotta contro la mafia. La malavita - dice ancora Rixi - ha subito duri colpi grazie all'inasprimento delle norme e all'arresto di molti personaggi di spicco della mafia, mentre la politica di rigore contro l'immigrazione clandestina sta portando i primi importanti risultati: gli illegali rimpatriati negli ultimi due anni sono già stati circa 43 mila, mentre gli sbarchi si sono ridotti addirittura del 90%. La linea dura paga. Razzisti noi? Parlano i fatti e non la propaganda. Non siamo contro nessuno. Chi viene da noi a lavorare e rispetta le nostre leggi e le nostre tradizioni è benvenuto. Per gli altri non c'è posto".

Risultati delle politiche attuate dal Ministro Maroni
Controllo del territorio
Furti - 18.61 %
Rapine - 20.41 %
Estorsioni - 15.10 %
Stupefacenti - 16.97 %
Sbarchi di clandestini - 90 %
Clandestini rimpatriati 43000
Lotta alla mafia
Arresti latitanti + 87 %
Operazioni polizia giudiziaria + 84 %
Beni sequestrati + 56 %
Beni confiscati + 364 %
Arresti dei 100 latitanti più pericolosi + 131 %
Fonte: Ministero degli Interni